domenica 13 giugno 2010

Torta di cocco

Ingredienti:
220 gr di farina 00
200 gr di zucchero di canna
250 gr di ricotta
40 gr di burro
3 uova
150 gr di farina di cocco
150 gr di latte magro
1 yogurt magro
1 bustina di lievito per dolci
 

Preparazione:  
Lavorare lo zucchero con le uova, fino a che non sono montati. Aggiungere il burro morbido, la ricotta passata in un colino, lo yogurt, il latte e le farine mischiate "a secco" in una ciotola con il lievito.
Versare il composto in una teglia quadrata di circa 24 cm e infornare per circa 40 minuti. Farla raffreddare, tagliarla a pezzi quadrati (circa 5x5) e servire. 


Torta Cacao e Cocco: Halloween '09

Questa torta l’ho fatta nel 2009 per Halloween (festeggiamento assolutamente non italiano ma molto in voga tra i bambini di oggi).  
Mia figlia ebbe la fortuna di essere stata scelta per fare la festa e così:  



Ingredienti per 12 porzioni

Ingredienti 1a e 2a torta:  
125g farina  
125g zucchero  
50g burro morbido  
2 albumi  
30g cacao in polvere  
2 cucchiai di cognac di liquore  
4 cucchiai di latte  
buccia grattugiata di 1 limone bio o 1 
vaniglia (facoltativo)  
1 bustina di lievito  
1 pizzico di sale  

Ingredienti crema al cocco per farcire:  
4 tuorli  
1/2 lt di latte di cocco (o metà e metà con latte normale)  
125g di cocco disidratato  
50g scarsi di farina "00"  
50g di zucchero  
vaniglia
30g gocce di cioccolato  
acqua (se serve)

Per guarnire:  
1 cucchiaio di marmellata   
cocco disidratato 


Per le torte:  
Montare a lungo i bianchi con lo zucchero e con il pizzico di sale (non ferma come per la meringa).  
Unire il burro liquefatto, cacao, farina e lievito setacciati, l'aroma, il latte e il liquore. Mescolare con molta dolcezza, dal basso verso l'alto e riempire una teglia (meglio se a cerniera) precedentemente oliata e infarinata.  
Cuocere a 180° per 20/30 minuti.
Una volta fredda, sformare e spolverare di zucchero a velo.  


Crema al cocco per farcire:
Mettere i rossi e lo zucchero in una ciotola e montare bene.
Aggiungere pian piano la farina con la vaniglia contemporaneamente mettere sul fuoco il latte di cocco e scaldarlo un po'.  

Aggiungere il composto uova-zucchero-vaniglia ben amalgamato, il cocco disidratato e le gocce di cioccolato; mischiare ancora con la frusta bene bene e far raffreddare (se fosse troppo duro aggiungere un filo d'acqua).

Assemblaggio:
Mettere una torta sopra l'altra, in mezzo farcire con la crema al cocco; spennellare la superficie con la marmellata intiepidita e passata (anche al minipimer) e cospargere con il cocco disidratato.
(Se ve la sentite fate quello che avete fatto per la superficie, anche intorno (in modo che venga tutta bianca). 

Pan Brioche Light

E' "straprovata". Buonissima. Per la colazione (di un giorno solo, non arriva mai niente al secondo).

Ingredienti:
* farina "00" g 250
* farina manitoba (americana) g 250
* burro g 60 (o g 30 burro + g 30 ricotta)
* zucchero g 80
* latte scremato g 200 o più
* lievito di birra fresco g 25 (un cubetto)
* 2 uova
* buccia grattata di un limone o di un'arancia bio
* un pizzico di sale

Ingredienti per le varianti:
* canditi g 100
o
* uvetta ammollata e strizzata g 100
o
* gocce di cioccolato g 100
o
* frutta secca (noci, nocciole, mandorle, pistacchi o anche albicocche o prugne) g 100

Preparazione  
Mettere nell'ordine nella macchina del pane: il latte appena un poco tiepido (a temperatura un po' più che corporea), il lievito di birra sbriciolato e farlo sciogliere; unire il burro a pezzetti in modo che si sciolga anche lui.   
A questo punto unire tutti gli altri ingredienti nel seguente ordine: le farine setacciate, lo zucchero, le uova, le bucce grattugiate, se si mettono gli ingredienti delle varianti, e infine, il più lontano possibile dal lievito, il pizzico di sale.  
Far partire il programma del "pane francese" (2 forse), quando è finito l'impasto e comincia la cottura, con il pennello precedentemente intinto nelle uova leggermente sbattute, prima di metterle nel cestello, spennellare la superficie del pan brioche.  
Finita la cottura far raffreddare, poi togliere dal cestello e far riposare su una gratella (perfetta quella del forno al contrario) per un'ora per far perdere tutta l'umidità.   

N.B. Se non avete la macchina del pane il procedimento è quello del pane normale ma messo in una teglia da plumcake. Viene ottimo ugualmente. 

venerdì 11 giugno 2010

Torta leggera alle more

La cosa che mi colpisce di più è pensare che sono passati dieci anni dall’ictus ed io sono arrivata fin qui (se si vuole capire che sto dicendo).
Sono diversissima da 10 anni fa. I primi anni dopo che era successo, cioè dopo il parto, ero una donna (ragazzina) diversissima: attaccata al passato, a tutte le cose che non potevo più fare, che non sapevo più fare, che non volevo più fare, che non mi andava di fare. Ora ho capito, sono cambiata, mi sono rassegnata, non seduta/depressa, faccio sempre le mie 1000 cose, ma so che più in là non posso arrivare e così neanche ci provo altrimenti mi deprimo.
Forse sbaglio, ma il fatto che sono arrivata fin qui, avendo vissuto tutto quello che ho vissuto (mia figlia, il mio compagno, i miei amici, fare una Torta Mimosa, fare un pane buonissimo….), beh, poteva andare veramente molto peggio… “POTEVA PIOVERE!” (Igor in “Frankestein Junior”:

E ORA LA TORTA…

Ingredienti:
500g di more (o altra frutta)
400g di farina
200g di zucchero
40g di burro
40g di latte
3 uova
300g di yogurt
vaniglia
una bustina di lievito
un pizzico di sale

Montare le uova con lo zucchero, unire il burro liquefatto, il latte, la yogurt, mischiare senza smontare le uova. Unire la farina e il lievito setacciati, il pizzico di sale e l’aroma. Per ultime unire le more con delicatezza.
Mettere in una teglia ed infornare a 180° per 45 minuti (ma dipende dal forno).

Torta di crema e ricotta

Ingredienti per il guscio:
450g di farina
100g di burro
100g di zucchero
4 albumi
1/2 bustina di lievito

Ingredienti per il ripieno di "Crema di ricotta":
4 tuorli
1/2 lt di latte parzialmente scremato
50g di amido di mais (maizena)
50g di zucchero
250g di ricotta
buccia di un limone non trattato
100g di pinoli

Fare la pasta frolla e dividere in due dischi di cui uno più grande. Foderare con il più grande una tortiera foderata con la carta da forno.
Per il ripieno mettere i rossi e lo zucchero in una ciotola e montare bene. Aggiungere pian piano la farina/amido; contemporaneamente mettere sul fuoco il latte con la buccia di limone. Appena fuma un pò aggiungere il composto ben amalgamato e mischiare ancora con la frusta; appena bolle tirare via e continuare a girare. Unire la ricotta, frullare il tutto con il frullatore ad immersione fino ad ottenere una crema omogenea. Unire infine i pinoli e riempire con il composto il guscio. Mettere sopra il disco più piccolo e sigillare con cura il bordo.
Cuocere a 170° per circa 25 minuti (finché si sarà imbiondita); spolverare di zucchero a velo fare raffreddare e servire.

giovedì 10 giugno 2010

Biscotti della campagna

500g di farina
200g di zucchero
75g di burro
50g ricotta
2 uova
la buccia grattugiata di un limone biologico
2 cucchiaini di cannella
1 bustina di lievito
3 cucchiai di cognac
1/4 di bicchiere di latte parzialmente scremato
1 pizzico di sale
40g di marmellata (o 40g di pinoli o nocciole)

Mescolare tutti gli ingredienti tranne la marmellata, lavorare la pasta e formare delle palline grosse poco meno di una noce; metterle distanziate su una teglia con carta da forno e schiacciatele al centro con il pollice. Nell’incavo che si verrà a formare mettete la punta scarsa di un cucchiaino di marmellata (o due pinoli, o mezza nocciola). Infornare a 180°, il tempo dipende molto dal forno e dalla grandezza delle palline; 15 minuti? 

mercoledì 9 giugno 2010

Aranciotti, pistacchiotti e pinolotti

Sono tre tipi di biscotti che non hanno bisogno di una grossa manualità. Facilissimi da fare, perfetti da regalare, ottimi da sgranocchiare.

Aranciotti *
300g farina
60g burro
100g zucchero
100g mandorle pelate
1 uovo
½ bustina di lievito
1 bicchierino di Cointreau o Grand Marnier o Drambuie

aroma di arancio (buccia non trattata grattata possibilmente non la fialetta)
arancio candito
1 pizzico di sale

Tritare le mandorle in una granella non troppo fine; mescolare tutti gli ingredienti tranne i canditi (deve sembrare un composto di briciole e grumi) e lasciar riposare in frigo per ½ ora, formare di mucchietti ben distanziati, mettere sopra ogni mucchietto un pezzo di candito (circa 5mm x 10mm fare una leggera pressione per farlo aderire e schiacciare un poco il tutto.

Cuocere in forno a 180° per 15’ circa (fino a quando sono biondi).


Pistacchiotti
*
300g farina
60g burro
100g zucchero
100g pistacchi sgusciati
1 uovo
½ bustina di lievito
1 bicchierino di Marsala o Passito

vaniglia
1 pizzico di sale

Tritare i pistacchi, esclusa una manciata, in una granella non troppo fine; mescolare tutti gli ingredienti tranne la manciata di pistacchi (deve sembrare un composto di briciole e grumi) e lasciar riposare in frigo per ½ ora, formare di mucchietti ben distanziati, mettere sopra ogni mucchietto un pistacchio, fare una leggera pressione per farlo aderire e schiacciare un poco il tutto.

Cuocere in forno a 180° per 15’ circa (fino a quando sono biondi).


Pinolotti
*
300g farina
60g burro
100g zucchero
100g pinoli
1 uovo
½ bustina di lievito
1 bicchierino di Marsala o Maraschino o Kirsch

vaniglia
1 pizzico di sale

Tritare i pinoli, esclusa una manciata, in una granella non troppo fine; mescolare tutti gli ingredienti tranne la manciata di pinoli (deve sembrare un composto di briciole e grumi) e lasciar riposare in frigo per ½ ora, formare di mucchietti ben distanziati, mettere sopra ogni mucchietto tre pinoli, fare una leggera pressione per farli aderire e schiacciare un poco il tutto.

Cuocere in forno a 180° per 15’ circa (fino a quando sono biondi).


* Mi sono convinta da sola e dato che non ci sono le 3 fotografie e data anche la loro semplicità, penso proprio che li rifarò

martedì 8 giugno 2010

Pan de’ Casonsèi

I "casonsèi" sono dei ravioli di rapa rossa, patata e papavero, tipici di Cortina, ecc. Ho voluto mettere la ricetta di questo pane, perché è più rara e comunque è un pane adattissimo ad affettati (specialmente Speck) e formaggi (tome, brie, camembert...).

Ingredienti per 6 porzioni:

300gr farina di segale
300gr farina di Manitoba
150gr patata lessa (pesata cruda)
25gr lievito di birra fresco
30gr burro
100gr latte
200gr succo di rapa rossa (barbabietola)
20gr zucchero o malto o miele
2 cucchiai di semi di papavero
15gr sale

Per decorare:
1 cucchiaio di semi di papavero
1 uovo sbattuto


Preparazione:
Mettete nell'impastatrice il lievito sbriciolato, burro fuso e latte tiepido uniti in precedenza (così non sono troppo caldi), le patate schiacciate (tipo purè), le farine setacciate, sale, zucchero o malto, i semi di papavero e acqua se serve.
Impastare il tutto, formare una palla e lasciare lievitare coperta per un’ora e mezza.
Se si usa la macchina del pane selezionare il programma “impasto” o “dought” (dura circa un’ora e mezzo) che mischierà il tutto e farà la prima lievitazione (procedere poi come di seguito).
Trascorso questo tempo, riprendere la palla, sgonfiarla e lavorarla ancora per qualche minuto con molta energia. Quindi formare - in questo caso ho messo il filoncino nello stampo a cassetta oliato con il pennello riempiendo solo metà dello stampo – e far lievitare ancora per 20’/30’ in un posto al riparo da correnti d’aria (quando si è ingrandito di circa un terzo è pronto da infornare).
A questo punto spennellare con l’uovo sbattuto, spolverare con i semi di papavero e infornare a 200° per circa 40 minuti dopo aver fatto il “colpo di vapore” (versare una caraffa di acqua fredda nella leccarda del forno, richiudere e aspettare di nuovo che arrivi alla temperatura desiderata).