martedì 27 novembre 2012

Crème Brûlée o Crema Catalana: la mia è Crema Brasiliana all'arancia!

Crema brasiliana perché la ricetta me l’ha data Rosa, brasiliana.
Comunque per documentarmi ho consultato Wikipedia e Internet in generale e:
la principale differenza fra la crème brûlée e la crema catalana sta nel fatto che mentre nella prima è previsto l’uso della panna, nella seconda, la crema catalana, si usa al suo posto latte intero con percentuale grassa del 3,5%. http://it.wikipedia.org/wiki/Cr%C3%A8me_br%C3%BBl%C3%A9e
Sembrano dessert uguali, ma non lo sono, anche se le differenze sono piccolissime:
- la crème brulé si prepara mettendo il composto direttamente nelle apposite pirofile monodose, facendole cuocere in forno a bagnomaria;
- la crema catalana, tipica della Catalogna, viene cotta invece sul fornello in un pentolino a fuoco lento e una volta cotta viene poi travasata nelle terrine.
C’è poi una differenza nel servire i due dolci:

- la crème brulé viene riscaldata in forno e la superficie viene cosparsa di zucchero di canna che viene bruciato con un “cannello” (piccola fiamma ossidrica) da pasticceria o con il grill del forno; 
- la crema catalana viene invece servita fredda o al limite temperatura ambiente con la crosticina calda di zucchero bruciato fatta tradizionalmente con l’apposito “ferro per cremar” (un disco di ghisa con un lungo manico precedentemente arroventato sul fuoco) o più praticamente come per la crème brulé con il cannello o con il grill.
Comunque dato che la mia è un misto di queste due e visto l’uso del latte condensato e della buccia d’arancio... non è né l'una né l'altra e quindi posso tranquillamente chiamarla in maniera atipica.

Comunque la certezza è la sua semplicità e bontà.


Ingredienti:

4 uova
397g (1 barattolo) di latte condensato zuccherato - possibilmente NON Nestlé
397g (il barattolo vuoto) di acqua
1 o 2 arance non trattate 

zucchero di canna

Frullare il tutto e mettere il liquido nelle pirofiline in forno e cuocere a 150° per 35’ circa.

Finito questo tempo, non vi preoccupate se vi sembrano ancora molto liquide – raffreddandosi si induriranno.
Appena tiepide mettetele in frigo e al momento di servirle spolveratele con lo zucchero di canna che avrete mischiato alla buccia grattata dell’arancia/e.
Mettetele vicinissimo al grill già caldo al massimo per un paio di minuti tenendole costantemente d’occhio.

14 commenti:

  1. Ma sai che non conoscevo la differenza?! Grazie per la tua spiegazione e anche per questa ricettina molto golosa !!!
    Baci

    RispondiElimina
  2. Non mi ero mai soffermata più di tanto a pensare quali potevano essere le differenze, grazie per queste informazioni, non si finisce mai d'imparare :) Nè di sperimentare, come in questa ricetta della tua amica che mi sembra ottima e anche semplice. Buona giornata.

    RispondiElimina
  3. Effettivamente anch'io avevo sempre pensato che sono davvero simili..grazie per la tua utilissima spiegazione!!!
    Evviva la crema brasiliana!! ;-) Roberta

    RispondiElimina
  4. bellissima versione della crema catalana...bravissima cara!
    bacione

    RispondiElimina
  5. Nei ristoranti in Italia la "Crema Catalana" mi è sempre stata servita calda, mentre in Spagna sempre fredda!

    In Spagna ho chiesto e mi hanno risposto che va sempre servita fredda.

    Come da tue spiegazioni forse in Italia confondono la Crème Brûlée e Crema Catalana chiamando la prima con il nome della seconda e quindi servendola calda.

    Osservazioni in merito?
    Grazie

    RispondiElimina

Lascia un segno...
Mi farà molto piacere rispondere o dirti semplicemante "CIAO".