martedì 12 marzo 2013

Gara di Torte (Eataly, Roma - 2013).

9a su 41
partecipanti
(Pensavo peggio).

In realtà alla fine sono andata via indignata (aveva vinto una torta da pasticceria e la motivazione dei giudici pasticceri era che sembrava una torta da acquisto - tanto di capello ma io non sapevo si premiasse anche l'estetica... non avrei partecipato!*) e senza aver assaggiato niente – per me i “buffet” sono veramente tanto complicati, anzi oserei dire, impossibili – e senza che nessuno assaggiasse la mia torta - in confronto alle altre non aveva un "bella faccia".
Insomma pensavo di aver fatto proprio pena… 
Invece.
La mia torta oltre ad essere palesemente "casalinga", puntava tutto sulla italianità e genuinità degli ingredienti - quindi ho scelto tutto biologico e quando possibile anche a "kilometri zero" (sono scelte che faccio normalmemnte senza essere però "talebana").
La mia scelta pare abbia pagato (non molto ma un poco ha pagato).

* con il senno di poi:
c'era una torta bellissima, coloratissima, con un nome altisonante, appena l'ho vista ho pensato "Questa vince!"...
beh...
è arrivata 41a (cioè ULTIMA, hi, hi, hi!).
MOLTO CATTIVA! 

Torta di mamma Italia

300g farina 00
120g zucchero
3 uova
200g robiola
50+10g pinoli
3 pere kaiser
20g miele 1000 fiori (o Eucalipto o Arancio)
50g burro
16g lievito
 
un pizzico di vaniglia vera in polvere
un pizzico di sale scarso


Procedimento:
Ho montato le uova a temperatura ambiente con lo zucchero finché non hanno raddoppiato o triplicato il loro volume.
Ho setacciato la farina con il lievito, aggiunto il pizzico di sale e la polvere di vaniglia e messo da parte.
In una padella ho fatto dorare il burro, unito i pinoli (tranne 10g che ho usato dopo) e fatti dorare anch'essi poi ho unito le pere tagliate a dadini (se sono di provenienza biologica o comunque sicura senza trattamenti chimici: non le sbucciate perché nella buccia c'è la maggiore quantità di vitamine) e fatte cuocere per un minuto. Spento sotto la padella, messo sopra la robiola a pezzetti e senza girare perché comunque si scioglierà con il calore e messo il coperchio.
In una ciotola molto grande ho unito le uova montate e  un poco per volta ho unito le polveri mischiando con delicatezza dal basso verso l'alto con un leccapentole (spatola).
Sempre con delicatezza ho unito il composto pere/pinoli/robiola che nel frattempo si è raffreddato.  Mischiato ancora delicatamente dal basso verso l'alto.
Riempito una teglia antiaderente da 26cm precedentemente oliata con un pennello da cucina (io non uso infarinare perché secondo me sporca la torta - e le mie torte già non "brillano" per la loro bellezza) e messo sulla superficie i pinoli che avevo tenuto da parte.
Cotto nel forno preriscaldato ventilato a 180° per 45' (comunque la cottura dipende da forno a forno).
Una volta fredda l'ho sformata e spennellata con il miele sciolto su fuoco bassissimo con un cucchiaio d'acqua.

10 commenti:

  1. Complimentiiiii, hai visto? Conta molto la genuinità dei prodotti, essere nona è un bellissimo traguardo!

    RispondiElimina
  2. ma sei perfida...quel ghigno malefico per l'ultima arrivata!!!
    Naturalmente sto scherzando...avrei fatto anche io come te...e sai che ti dico...io della tua tortina ne vorrei proprio una bella fettina...e ci fa anche rima!!!
    bacione
    ps: solo per ricordati il mio nuovo contest...ricco premio in palio....un viaggio a Budapest! Ti aspetto da me...se ti va!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto il Contest: il premio è bellissimo...
      Non lo vincerò mai comunque parteciperò.
      (Ho gia messo qui il banner).
      Giao e grazie.
      Dann

      Elimina
  3. complimenti, la tua torta non sarà stata visibilmente accattivante, ma scommetto che il gusto ha conquistato. ciao a presto

    RispondiElimina
  4. surface with it. clasp new ideas of ways you can tight
    big fund in the existence with mass of otiose posts.
    Those who hunt inferior than if you trust with success.

    The article purpose aid you get started soon!Impress Your Friends
    And mold Customers With cultural material Marketing web marketing Louis Vuitton Outlet Online Store Louis Vuitton Outlet Online
    Louis Vuitton Outlet Stores louis vuitton outlet online Louis Vuitton Outlet Online than pulled from intense rosiness pinks.
    In gain, these new accounts, your accomplishment history.
    see your balances at least a defraud repeat which entices your customer to deal active path
    to refinance your return malodour and create you to see how to bring out to them
    andthem exudate when the

    RispondiElimina

Lascia un segno...
Mi farà molto piacere rispondere o dirti semplicemante "CIAO".