giovedì 7 marzo 2013

Patate con le mele.

Non sono impazzita.
Non è un dolce.
Non è una ricetta tradizionale dell’Oceania né della Tanzania tanto meno della Birmania.
E’ un accostamento improvvisato e coraggioso ma molto ben riuscito e molto ambito (tanto è vero che per fare la fotografia ho dovuto nasconderne una piccola porzione che comunque è sparita il giorno dopo – Pedro Bò si è dichiarato colpevole).
Naturalmente la preparazione è semplicissima da fare e nonostante sia solita usare tutto strettamente biologico e a chilometri zero e stagionale e etc. etc. Questa volta sia le patate che le mele sono comprate in un normalissimo supermercato, le ho quindi ben lavate e ben sbucciate entrambe.
Se invece fossero state biologiche avrei sicuramente - per la gioia di coloro che mangiano le mie ardite preparazioni – lasciato la buccia a le une ed alle altre, perché nelle bucce si annidano, non i “nemici dell’igiene” ma tutte le vitamine che si è soliti assumere sotto forma di costosi “pilloloni”.
Orsù proviam e poi mangiam.

P.S. Nonostante il tentativo di un italiano ricercato: fino alla fine non ci sono arrivata.
Spero apprezziate lo stesso e soprattutto spero che apprezziate la preparazione.

 
600g/800g di patate
300g/400g di mele (io Golden)
100g di lonza
2 bicchieri di vino bianco per cucinare
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva (io il mio: QUESTO)
pepe nero al mulinello (io l’avevo finito)
sale q.b.

Sbucciare e tagliare a dadini patate e mele.
Da una fetta di lonza alta 5mm ho ricavato dei cubetti.
Ho messo tutti gli ingredienti in una ciotola o direttamente nella teglia ho mescolato con le mani in modo ce ilsale sia sciolto e tutto il liquido uniformente distribuito (non vi preoccupate se vi sembrerà eccessivamente bagnato: poi si assorbirà tutto).
Ho cotto per circa 30' minuti a 200° gradi mischiando di tanto in tanto facendo attenzione a non farle attaccare al fondo ma senza spappolarle.
Una volta tirate fuori dal forno e fatte raffreddae un po’ le ho assaggiate e, dato che serviva, le ho ancora regolate di sale.
Mischiate di nuovo le ho portate a tavola.

10 commenti:

  1. ciao complimenti bel blog,e ricettina golosissima...nuova follower se ti va passa a casa mia :-) http://assaggi-incucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. mi sembra un ottimo accostamento invece!!! Molto spesso si usano le male insieme alle patate per arrosti al forno e io vedo che ci hai messo anche la lonza... Buona giornata!

    RispondiElimina
  3. Sarà pure un accostamento originale ma a me ispira molto... proverò a ripeterlo!
    Federica

    RispondiElimina
  4. Grazie, sono molto contenta che vi sia piaciuto epoi la lonza - che è diventata la mia pancetta e guanciale da quando ho superao i quaranta - ci sta veramente bene (in effetti, come scrive Giulia, alcuni arrosti sono fatti così da anni).
    A me è scappato l'arrosto!
    Ciao.
    Dann

    RispondiElimina
  5. Molto molto interessante, dev'essere anche buonissimo, da provare!
    Brava, complimenti!!

    RispondiElimina
  6. Siiiii le ho fatte (una sola volta!!!) grazie per aver spolverato questa ricetta le rifarò
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  7. ciao passa da me c'è un premio per te!
    http://unafettadiparadiso.blogspot.it/2013/03/premio-uguale-ma-diverso.html
    Vale

    RispondiElimina

Lascia un segno...
Mi farà molto piacere rispondere o dirti semplicemante "CIAO".