mercoledì 8 maggio 2013

Torta di Carote della Sabry per Companatica

E' "pari pari" la mail che ho mandato alla Sabry lunedì e quindi qualche cosa è superfluo. 
Comunque:
questa è in realtà una ricetta sua solo adattata e "logistichizzata" da me dato che bisognerà servire 120 o 150 persone.
Non è un matrimonio, una comunione o simili, sarà un pranzo domenicale: la "COMPANATICA di Primavera" che si svolgerà a Firenze organizzata dal fotografo Gianni Ugolini.

Riguardo alla torta è senza un filo di burro o olio, è light, senza latticini e soprattutto è buonissima.
VIVA la SABRY!!!!!

350 gr di carote 
150 gr di cocco secco
250 gr di zucchero
4 uova
150 gr di farina
60g di liquore di limoncello
lievito una bustina
un pizzico di sale


Monti le uova* a temperatura ambiente con lo zucchero con le frustine elettriche manuali (dato che bisogna starci tanto e le torte son tante sarebbe meglio che ti facessi prestare un impastatore tipo Kithcheh Aid o Kenwood o altro – io posso dare il mio a Fabio ma viene tardi… fammi sapere). Smetti quando il composto ha triplicato il volume ed è diventato bello gonfio e giallino chiaro chiaro quasi bianco.
Con un frullatore o col Bimby metti la farina con il lievito e il cocco e fai andare così a secco per un paio di minuti – serve ad evitare il setacciamento perché distribuisce uniformemente il lievito e sminuzza anche il cocco. 

Triti le carote con la grattugia a fori grossi ma non enormi o fai come + veloce vasta che sembrino grattugiate e non una pappetta.
Momento delicato: ora aggiungi la farina/lievito/cocco alle uova/zucchero
Per farlo prendi un’insalatiera molto grossa, versaci tutte i “secchi” prendi un quarto del. composto gonfio e mischialo tranquillamente all’uovo con un cucchiaio di legno o quello che ti pare.
Quando si è amalgamato tutto e probabilmente “S”montato l’uovo aggiungere i tre quarti rimanenti dell’uovo mescolando con delicatezza dal basso verso l’alto, piano piano, con una spatola o una frusra, girando la ciotola fino a che tutto è amalgamato e soprattutto ancora bello gonfio.
Versa ora nella teglia (io di solito la ungo con olipo e un pennello, al limite metto il pangrattao (mi ero sbagliata ma mi ricorda l’Ugolini e lo lascio), la farina NO perché mi sporca il risultato, soprattutto le torte al cioccolato – ma tu fai come ti pare che le torte che hai fatto l’altra volta erano fantastiche).
Il forno deve essere a 160° per i primi 10 min. poi a 180° per 40 min.

* TI PREGO: le uova prima di romperle – NON prima - sciacqua loro il guscio e asciugale – non sia mai prende la salmonella a qualcuno dei “150 companatici simpatici” per il “dolcino in giardino”.

6 commenti:

  1. Ha davvero un bellissimo aspetto!!! :)
    Mi piace un sacco la torta di carote..per merenda poi è una delizia ;)
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andata a vedere oil tuo blog e sono rimasta affascinata dai tuoi Cupcake AfterEight...
      Penso proprio che li proverò.
      Grazie del commento e anche dei futuri cupcake.
      Dann

      Elimina
  2. E' la 1^ ricetta di dolce alle carote senza le mandorle, l'uso del cocco mi convince!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una mia variante proprio perché le mandorle sono pocoo economiche e invece serviva una rticetta + economica (visto la quantità che bisognerà farne x domenica).
      Dunque dato che un mese fa ho mangiato questa stessa torta ma con le mandorle imnvece del cocco, mi sono fissata ed ho proposto questa ma senza mandorle.
      Fatta.
      Non è andata.
      Rifatta con il cocco.
      Buonissima e quindi la pubblica e soprattutto la consiglio anche perché la mancanza delle mandorle la alleggerisce uteriormente.
      Quindi... provala.
      Ciao,
      Dann
      P.S. Diciamo la verità: l'accostamento carote/cocco non è una mia invenzione, ci stanno in giro alcune ricette ma mai non senza grassi.

      Elimina
  3. Però un bel gruppetto!!!
    buonissima e sofficiosa!
    Z&C

    RispondiElimina

Lascia un segno...
Mi farà molto piacere rispondere o dirti semplicemante "CIAO".