mercoledì 20 novembre 2013

Le mie capresi… (no glutine)

Beh… proprio mie non sono!
Infatti la “caprese al limone” è da ricetta originale di Sal De Riso con qualche modifica di Simona Mirto del blog Tavolartegusto (QUI), ulteriormente e minimamente manipolata da me nell’olio (dimezzato) e nel procedimento (molto semplificato al limite dell’approssimazione).
Io non ho mai avuto il piacere di mangiare la versione originale di De Riso (anche se ora che ci ripenso ho seguito un suo corso monografico - “I dolci di Salvatore De Riso” alla Scuola Cuciniamoci di Palma D’Onofrio circa 5 anni fa… - quindi sicuramente l’ho assaggiata in quella occasione)
Comunque è buonissima e in fondo seguendo il mio procedimento forse, anzi sicuramente, molto semplificato e poco “canonico”, è anche molto facile da fare!


Caprese al limone

200g di mandorle pelate
120g di zucchero a velo non vanigliato
50g di olio extravergine
200g di cioccolato bianco in tavoletta
5 uova
50g di fecola di patate o maizena
60g di zucchero semolato classico
bucce grattugiate di 4 limoni freschi non trattati

vaniglia vera (bacca o estratto)
1/2 bustina di lievito in polvere per dolci
un pizzico di sale
abbondante zucchero a velo per guarnire

Mettere nel robot il cioccolato spezzettato e tenuto in frigorifero per mezz’ora le mandorle, lo zucchero a velo la buccia grattata dei limoni, la fecola o maizena, la vaniglia ed il lievito: fate andare finché non ottenete una polvere finissima.
Montate le uova tenute per almeno mezz’ora fuori dal frigorifero con lo zucchero semolato ed il pizzico di sale.
Far triplicare il loro volume. Dopodiché unire delicatamente a filo l'olio e a pioggia le “polveri” mescolando dal basso verso l’alto e girando la ciotola.
Una volta che il composto è omogeneo versare in una teglia antiaderente unta d’olio (possibilmente tonda e di circa 28cm di diametro) e con il fondo foderato da un disco di carta da forno.
Cuocete a 200° per 5', SENZA aprire lo sportello abbassate il forno a 160°/165° e lasciate cuocere la Caprese per ancora 45'.
Trascorso il tempo di cottura tirate fuori dal forno la torta, lasciatela raffreddare 5'-6' all'interno della taglia con una spatola passate tutt’intorno alla teglia per staccarla.
Capovolgetela su un piatto da portata: staccate la carta da forno e spolverate la superficie con abbondante zucchero a velo setacciato.


Caprese fondente all'arancia


E’ la versione scura nella fotografia.
E’ al cioccolato fondente, forse più famosa della precedente e NON meno gustosa ed è perfetta accompagnata da della panna semimontata e non zuccherata.


200g di mandorle non pelate
120g di zucchero a velo non vanigliato
50g di olio extravergine
200g di cioccolato fondente (non + del 70%)
5 uova
50g di fecola di patate o maizena
60g di zucchero semolato classico
bucce grattugiate di 3 arance non trattate
vaniglia vera (bacca o estratto)
1/2 bustina di lievito in polvere per dolci
un pizzico di sale
abbondante zucchero a velo per guarnire (io lo avevo finito per l’altra)

Stesso identico procedimento della precedente.

1 commento:

Lascia un segno...
Mi farà molto piacere rispondere o dirti semplicemante "CIAO".