lunedì 4 febbraio 2013

Biscotti della nonna al torrone

Questa ricetta me l’ha data Ivana del Centro Sportivo di Polizia dove vado 3 volte a settimana a fare (con molto piacere) da “cavia” a Giuseppe – se l’avessi incontrato una decina di anni fa sicuramente mi sarei risparmiata molti “disagi”. Io non ho precisamente la malattia per cui sta facendo la sperimentazione (sclerosi) coadiuvato da una neurologa dell'Ospedale Sant'Andrea, ma molti dei sintomi coincidono e quindi “mi presto” per vedere “se” (e non è un “se” ma un “non ci posso credere”) le sue idee hanno un fondamento scientifico – non impone le mani, ne dice a Lazzaro alzati e cammina, ma quando ho – con enorme difficoltà… chiaramente – riballato gli Earth, Wind & Fire… un altro po’ mi mettevo a piangere… ma non l’ho fatto… c’avevo da fare… dovevo “ballare”. 
(E a Capodanno?
Ore…? Non lo so ma tra il pranzo e la cena, eravamo in casa, eravamo tanti amici e tanto per cambiare preparavamo da mangiare, dallo stereo altissima una canzone di Jovannotti (Piove)…
Beh,
dopo 13 anni,
dopo la sedia a rotelle,
dopo tanti Taxi,
dopo la patente disabili,
dopo,
dopo,
dopo…
ho ballato di nuovo.
E a me venivano le lacrime.
E al mio compagno venivano le lacrime.
E mia figlia… Si vergognava perchè non ballavo "bene"... sempre carina).

Comunque torniamo a Ivana,
torniamo ai biscotti…
Buonissimi.
Secondo me possono essere la risposta italiana ai Cookies americani.
Anzi, forse sono anche più buoni! 



Biscotti della nonna al torrone (dose per circa 60 biscotti).
 
200g di farina
180g di zucchero
1 uovo
125g di burro (io 75g burro + 50g latte)
150g di torrone bianco duro alle mandorle
150g di mandorle
½ bustina (8g) di lievito chimico
un pizzico di sale

Mettere in una terrina capiente la farina, lo zucchero e il lievito e mescolare per distribuire tra loro tutte le polveri e se ci fossero eventuali grumi romperli con le mani. 

Unite il torrone frantumato in pezzi piccoli e le mandorle tritate anch'esse finemente.
Mischiare e unire l’uovo leggermente sbattuto con il pizzico di sale.
Mischiare un poco poi unire il burro sciolto a bagnomaria unito al latte freddo.
Mischiare fino ad avere un composto omogeneo che metterete a riposare raccolto in una palla (senza stringere troppo) per almeno mezz’ora in frigorifero.
Riprendere poi l’impasto e fare delle palline grandi come una nocciola con il guscio – sempre senza comprimere molto l’impasto altrimenti verranno biscotti meno e più duri – e posizionarle ben distanziate tra loro perché con il calore si allargheranno molto.
Infornare a 180° gradi per 12/15’ minuti (dipende dal forno e dalla loro grandezza) comunque quando i biscotti saranno appena dorati.
Sfornate e anche se vi sembrano morbidissimi – l’importante è che siano cotti sotto – lasciateli raffreddare.
Sono pronti.
Buoni,
sani e…
italiani.

16 commenti:

  1. ecco una bella ricetta per riciclare il torrone che ho in dispensa...grazie!
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buonissimi,cercherò di farli subito.Grazie per l'idea

      Elimina
    2. @ spero/sono sicura che ti piaceranno.
      Fammi sapere.
      Dann

      Elimina
  2. You should tell your doctor as well about your vom,
    what a lack of hope for those that fear is the generic one-page sales
    pitch picks up a gear, you can overcome Emetophobia.
    By focusing more on the latter is greatly appreciated. Basically it is even when you were still alone in my twenties!
    Here is my page emetophobia treatment union bridge

    RispondiElimina

Lascia un segno...
Mi farà molto piacere rispondere o dirti semplicemante "CIAO".