lunedì 20 maggio 2013

Bavette in agrodolce

(Anche questa pastasciutta, come quella di ieri qui sotto, è per il concorso Ponti). 

Come ieri scrivo solo gli ingredienti: è una pastasciutta… se si hanno le dosi precise è la volta che viene male. 
Si tratta di un primo tendente al secondo… un piattone unico.
In effetti nella fotografia mi sono dimenticata di far vedere i pezzi grandi interi di merluzzo – a me se ne è rotto un pezzo di una fetta ma era tutto buonissimo ugualmente.


cipolline in barattolo Ponti
pomodorini datterini o ciliegini
merluzzo* (150/200g – una fetta a testa)
aceto balsamico Ponti
olive di Gaeta o greche
vino bianco (mezzo bicchiere)
prezzemolo
aglio (mezzo spicchio a testa)
olio extravergine d’oliva
1 cucchiaio di zucchero
sale

* può essere anche cernia o al limite pesce spada.

Io ho fatto così:
In una padella, scaldare l’olio con l’aglio che toglierete appena si imbiondisce non buttandolo ma tenendolo da parte per le verdure.
A fuoco alto mettete il merluzzo e sfiammatelo con il vino bianco e fate le fette in 3 o 4 pezzi abbassando la fiamma da alta a media. Spegnete appena i pezzi da trasparenti diventano bianchi. Metteteci il prezzemolo tritato, salatelo e mettetelo da parte in un piattino.
Nella stessa padella mettete ancora olio, l’aglio messo da parte, fate insaporire e poi toglietelo di nuovo – ora si può buttare.
Sgocciolate e sciacquate sotto l’acqua corrente, e asciugatele con della carta da cucina. Mettetele in padella insieme a un cucchiaio di zucchero di canna a fuco molto alto, rigirate in modo che si distribuisca e dopo un attimo sfiammate con l’aceto balsamico.
Aggiungete i pomodorini tagliati a metà, le olive dopo averle snocciolate e tagliate a metà girate; abbassate la fiamma e fate cuocere per circa 10 minuti.
Nel frattempo cuocete le bavette tenendole al dente perché poi bisogna ripassarle – infatti ricordatevi un attimo prima di scolarle di prendere una tazza d’acqua di cottura perché ricca di glutine e utile per legare la pasta al sugo quindi scolatele senza troppa cura e unitele nella padella delle verdure a fuoco altissimo aggiungete mezza tazza d’acqua, saltateli ancora e quando tutto è ben distribuito, aggiungete il pesce mettendolo sul fondo della padella giratelo delicatamente et voilà la pasta è pronta.


N.B. Da un’idea di Zia Ornella: maga del risotto ma che anche con la pasta… 


Con questa ricetta partecipo al Contest di Cuoco di Fulmine:

3 commenti:

Lascia un segno...
Mi farà molto piacere rispondere o dirti semplicemante "CIAO".