venerdì 17 gennaio 2014

Gocce di Alchermes

Il difficile di questi biscotti è sicuramente pronunciarne il nome: cioè pronunciare “alchermes” è facilissimo… si pronuncia esattamente come si legge… e si legge come è scritto… SEMPLICEMENTE ALCHERMES… senza strane pronunce, improbabili crasi, obsoleti accenti…
Semplicemente A L C H E R M E S.
Io stessa, prima di scrivere questo post ho controllato e ricontrollato svariate voltee mi sono documentata – devo dire che in questi casi il computer, internet, la tecnologia in genere ci è veramente d’aiuto: con un semplice click – in realtà erano svariati – ho risolto “il busillis” (come direbbe il Commissario Montalbano).
QUI la storia e la provenienza,
QUI la ricetta per farlo in casa,
e QUI interessantissime notizie sui coloranti – perché c’è un altro “busillis” ed io penso proprio che non sarò una futura consumatrice di Alchermes!
Comunque i biscotti li avevo già fatti ed ecco la loro ricetta. 

 
250g di farina 0
100g di zucchero di canna chiaro
50g di burro
½ bustina di lievito (possibilmente non vanigliato)
1 uovo
1 cucchiaino di Alchermes*
1 cucchiaio di acqua (se serve)
1 pizzico di sale

Mescolare la farina, il lievito, lo zucchero e il sale in una grossa ciotola (fate attenzione che a volte il lievito fa dei grumi con l’umidità… eventualmente schiacciateli tra le dita) unite a queste polveri l’uovo leggermente sbattuto, il colorante che avete scelto (naturale o VERAMENTE NATURALE) e l’acqua se il composto risultasse troppo duro.
Fate delle palline grosse come nocciole e posizionatele su una teglia foderata con carta da forno distanti tra loro almeno5 cm e appiattendole leggermente.
Cuocere nel forno a 170° per 15/20 minuti.
Tirateli furi e fate scivlare il foglio con tutte le palline attaccate su una griglia e fate raffreddare.

* Essendomi documentata sull’Alchermes sarebbe meglio sostituirlo con del succo di barbabietola rossa – quelle sottovuoto colorano più intensamente o del succo ricavato da lamponi freschi schiacciati e poi passati in un colino, comunque date un’occhiata QUI.

7 commenti:

  1. Molto particolare questi biscotti e davvero invitanti!
    Buon we cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  2. Ottimi questi biscottini, e divertentissimo il preambolo!! Sei sempre originale! Complimenti

    RispondiElimina
  3. Sono sicura che ottenendo il "rosa" come specificatto nella nota finale verranno ugualmente buoni con altri profumi ma buoni ugualmente (io forse ci aggiungerei "acqua di rose" o "acua di fiori d'arancio"... molto "profumo d'oriente").
    Dann

    RispondiElimina
  4. Thank you for the auspicious writeup. It in fact was
    a amusement account it. Look advanced to far added
    agreeable from you! However, how can we communicate?

    Stop by my page: شركة تخزين عفش

    RispondiElimina

Lascia un segno...
Mi farà molto piacere rispondere o dirti semplicemante "CIAO".